© 2019 Copyright | Valentina De’ Mathà | Privacy Policy

Silenzio ︎




Nepalese paper, newsprint and papier-mâché
Installation of variable dimensions




Nepalese paper, newsprint and papier-mâché 
Installation of variable dimensions 


It is an installation project in memory of the 308 victims of the L'Aquila earthquake. It consists of 308 bodies made with the papier-mâché technique with newspaper clippings that talk about this catastrophe.
A plaster mold was created over a model made of clay: through this unique matrix are created all the bodies in paper cause all of us come to Mother Earth. The final works are white, symbolizing a collective and not an individual identity, and the bodies are facing the wall that symbolizes the Earth in which they return and from which they were born
For this reason they are made of paper: it is degradable and undergoes changes in the weather like the human body.


È un progetto installativo in memoria delle 308 vittime del terremoto di L’Aquila. È costituito da 308 corpi realizzati con la tecnica del papier-mâché con all’interno ritagli di giornale che parlano di questa catastrofe. È stato creato uno stampo in gesso sopra un modello fatto in argilla: attraverso questa unica matrice sono nati  tutti i corpi in carta, come noi nasciamo tutti dalla Madre Terra. Le opere finali sono di colore bianco, a simboleggiare un’identità collettiva e non individuale, e i corpi sono rivolti verso la parete che sta a simboleggiare la Terra a cui tornano e che li ha visti nascere.
Per questo motivo sono realizzati in carta, perché è degradabile e subisce i cambiamenti del tempo come il corpo umano.