© 2019 Copyright | Valentina De’ Mathà | Privacy Policy

Entanglement ︎



ENTANGLEMENT 013 
RA-4 on emulsified paper then woven and sewed whit cotton, wood
variable dimensions
2015-2016



RA-4 on emulsified paper then woven and sewed whit cotton
variable dimensions


Entanglement means non-separability: is a phenomenon discovered by quantum physics and involving two or more subatomic particles, or“entity”, which condition and communicate at a distance.
This means that there are no isolated systems, everything resonates with the whole.
The particles are related, just as everything was connected at the time of the big bang and this means that everything is still touching, everything is connected and inseparable.
Mankind is made up of subatomic particles, so the human entanglement is natural and from this connection with the whole flows our daily life and our way of interacting.

The woven paper, sewn by hand, symbolizes relationships, cultural exchanges, connections and ties.
The act of weaving means to narrate our experience generated from one’s own existence: combining of atavistic heritage and individual history. A simple woven or woven thread turns into fabric, this is the magic of life and passing on. It is a very feminine, ancestral, maternal work. It returns to the origin of family bonds and culture, interweaving relationships, feelings and traditions. It weaves knowledge and history, space and time in which the invisible world and inevitable reality constantly intersect, therefore it is the sum of our choices and experiences. The repetition of movements in the process of weaving accentuates time and acts as a ritual, like a mantra.



Entanglement significa non-separabilità, aggrovigliamento, è un fenomeno scoperto dalla fisica quantistica e che coinvolge due o più particelle subatomiche, o “entità”, che si condizionano e comunicano a distanza.
Ciò significa che non esistono sistemi isolati, ogni cosa risuona con il tutto.
Le particelle sono correlate, così com’era tutto collegato al momento del big bang e ciò significa che tutto si sta ancora toccando, tutto è connesso e inseparabile.
L’umanità è composta da particelle subatomiche, quindi l’entanglement umano è naturale e questo legame con il tutto, scaturisce la nostra quotidianità e il nostro modo di interagire.

La carta intrecciata, e poi cucita a mano, simboleggia le relazioni, gli scambi culturali, le connessioni e i legami.
Tessere significa creare, narrare il nostro vissuto, è la volontà di generare qualcosa della propria esistenza: intreccio di eredità ataviche e divenire della storia individuale. Un semplice filo tessuto o intrecciato si trasforma in stoffa, questa è la magia della vita, del tramandare.
È un lavoro molto femminile, ancestrale, materno; è un ritorno alle origini, alla famiglia, al tenere insieme le cose: i legami, la cultura; è l’intreccio di relazioni, dipendenze, sentimenti e tradizioni. Si tesse la conoscenza e la storia, lo spazio e il tempo in cui si intersecano costantemente mondo invisibile e realtà inevitabile, di conseguenza è la somma delle nostre scelte ed esperienze.
La madre si avvolge su se stessa nell’atto d’amore del tessere lentamente il proprio tempo ed esperienze, affinché la narrazione possa avvolgere e proteggere.
Questa successione e ripetizione accentua lo scandire del tempo e la ritualità, come un mantra . Si tessono le variabili del tempo, nel fare e disfare, così come si intrecciano e costruiscono i rapporti umani e sentimentale.